Sistemi Complessi

il 22 febbraio 2020 @ é Dimora Creativa

Opere di Jimmy Rivoltella e Francesca Belgiojoso

Testo di Valentina Cei

Accade che nelle vallate che un tempo erano profonde fosse sottomarine, mentre il ume autostradale langue nel caldo di ne estate, un traghettatore di anime dai colori tenui incontri una variopinta sirena, determinata a portare nel futuro le vite che furono, così come le sembra di fare da sempre.
Ecco che si dividono i compiti: lui mette in gioco il passato e un presente fatto di parole caduche, lei aggiusta il tiro in punta di spillo, rendendo con nuovi colori, permanenti e vivaci, eterne le vite.
Da sempre le anime stinte vagano nelle acque e per l’aria, ecco perché le sirene si son dovute vestire di squame e di piume: a farsene sfuggire il meno possibile, di quelle anime, e cucire loro addosso le lodi impensate, e incollarle al suono di vite immeritate, e tenerle a compagnia sempiterna vicine, spiaggiate nei pressi del loro canto al contempo mortale e immortale per chi lo avverte.
Siamo sistemi complessi, confermano le opere di questo lavoro a quattro mani: se alla folla lapidaria di Jimmy Rivoltella aggiungi gli scorci e i colori di Francesca Belgiojoso, non otterrai la semplice somma di due racconti sovrapposti, ma storie del tutto nuove.
Allo stesso modo, aggiungendo due strofe alle prime tre, e rispettando un semplice codice sillabico, un haiku diventa un tanka: composizione dal senso di erente, spesso opposto, rispetto alla prima, per quanto la contenga al suo interno.

é dimora creativa | Cambiano (TO) | Vicolo Bertone 6/A
info FB / Instagram
Posted in Senza categoria | Leave a comment

Mavì Taten | Delicadenza

31.10.2019

Mavì Taten

Mavì Tatén Torino
Via Claudio Beaumont 12 | Torino
Ma – Sa | 10.30 – 19.30
Facebook | Instagram

a cura di Sara Merlino e Vittoria Formuso – mavì taten

Come la carta da parati smunta e strappata sui muri di una stanza vuota e vissuta.
Come la statua di un Dio greco con le braccia mozzate nel retro di un museo.
Come l’oro invecchiato di una spilla della nonna sul suo comodino.
Come l’edera sui muri crepati di una vecchia villa.
Vita che c’è stata e che ancora sarà, nella propria personale trasformazione.



Posted in Senza categoria | Leave a comment

Paratissima 2019 | inarttendu Smart gallery

30.11.2019 Torino

 

La memoria delle particelle elementari

Jimmy Rivoltella feat. Tatiana Fenoglio

Inatteso Project

31-10 | 3-11-2019

Torino | Paratissima Art Fair

Inarttendu Smart Gallery

 

Tutti i luoghi che abbiamo abitato, tutti i momenti che abbiamo vissuto ci assediano, chiedono di entrare – noi li guardiamo, li evochiamo uno ad uno – da dove? Dove è dovunque e in nessun luogo.

Giorgio Agamben

Ogni luogo ha la sua storia, ogni spazio, con le proprie architetture, richiama alla mente memorie personali, vite passate che un tempo vi dimoravano. La fotografia, nella sua potenza evocativa, è una testimonianza inderogabile di queste esistenze che un tempo furono il presente, nei propri drammi, nelle proprie complessità e nelle proprie illusioni. Un tempo che non ritorna, ma che è possibile rivivere attraverso i fotogrammi, per scrutare e ispezionare attimi di biografie che, se pur anonime, raccontano di un’urgenza del momento.

Jimmy Rivoltella, attraverso la tecnica del foto collage, dedica da sempre la sua ricerca artistica alle micro-narrazioni del quotidiano.

Per il progetto “inatteso”, partendo dalla ricerca di oggetti residuali ha realizzato una composizione d’immagini frammentarie e stranianti.

L’incipit è stato raccogliere fotografie di uno spazio familiare (non solo il suo) con le quali tracciare le traiettorie, disegnare le mappe, delle sue derive e (ri)comporre le storie di chi le attraversa.

L’evoluzione è stata la rielaborazione del materiale fotografico, ritrovato o donato, attraverso la tecnica del collage, medium e strumento d’indagine ed espediente narrativo.

Dal progetto traspare l’intenzione di ridiscutere l’immagine fotografica in quanto documento: i soggetti, il punto di vista, le inquadrature e il montaggio di una sequenza sono orientati a rendere le fotografie allusive, ambigue, aperte all’interpretazione e al riconoscimento soggettivo e parziale di ciascuno.

Lo sviluppo di questi paesaggi visivi, dove la nostalgia e la memoria ne sono il leitmotiv, è rappresentata dalla loro sonorizzazione. Tatiana Fenoglio è entrata nel personal landscape di Jimmy vivendoli, interiorizzandoli, dando una forma al rumore che richiama il movimento interiore degli stessi.

Tatiana ha estrapolato un suono concreto (ambientale, naturale, strumentale) che, elaborato e poi riassemblato, è diventato un racconto da ascoltare.

In questa trasformazione sonora, l’elemento acustico offre allo spettatore un ulteriore strumento interpretativo, mettendo a sua disposizione anche uno scenario melodico (o cacofonico, a seconda di quello che le coscienze individuali suggeriranno) rappresentativo delle diverse dimensioni del vivente.

Saranno nitidamente percepibili tutti i rumori evocati dai paesaggi familiari di Jimmy.

details: Il progetto consiste in un’installazione fotografica e specchi a cui segue una serie di fotocollage su cubi di legno massiccio di misura 8x8x4cm.

Le foto ed i collage sono la riproduzione di un paesaggio sociale interiore. Un multistrato di sentimenti e situazioni contingenti.

Accanto alle cornici ed ai cubi verranno collocate delle casse audio con batteria wifi ed MP3 che compattano i suoni catturati con microfoni e Zoom H4N, successivamente ri-composti con l’utilizzo di software musicali.

Gli stimoli acustici culminano in un mono-suono che ha una frequenza di 432 Hertz. L’accordo a 432 Hertz costituisce la nuova alchimia della musica elettronica, risuona con le frequenze fondamentali del vivente: battito cardiaco, replicazione del DNA, sincronizzazione cerebrale, inoltre con la Risonanza di Schumann e la geometria della creazione

 



Posted in Senza categoria | Leave a comment

summer tour 2019

 

27 luglio 2019

Chialamberto (TO)

Religiosamente Granata
di Valentina CEI
_________________
Campioni è per sempre, si sa.

Passano gli anni
sequenze di volti
passano in molti
da queste parti
e noi dal santuario
qui sulla collina
guardiamo le vite
degli altri passare.

Giovani e forti, campioni
è per sempre, si sa:
morire presto
oppure invecchiare.
Solo la sprovvista
la fa da padrone,
la finta che porta
davanti alla porta.

Si sa il senso
del correre allora,
a seguire quel masso chiamato pallone:
è su e giù per il campo
è su e giù per il sempre
che
Sisifo
ride.

—–

3 agosto 2019

Family Rings
AR[t]CEVIA Art Festival 
Arcevia (AN)

——

4 agosto Museo di Camo

KARNOWSKI

—–

10 agosto 2019

“ e poi mi ricordo “

Ex cappella di Costantinopoli
Feisoglio (CN)
1o | 17 agosto 2019

La Fejä Bianca
The White Sheep
Art Festival
a cura di Eliana Littarru

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Jimmy’s tour maggio 2019

Il mese di maggio sarà un mese intenso e ricco di Esposizioni

dal 1* maggio sarò a Monaco di Baviera al Muc Art 2019 presso lo stand di NeueKunstrücke , dal 2* maggio al Festival delle TV e dei nuovi media a Dogliani (CN) presso LeViti Room dove presenteró in anteprima i nuovi lavori: collage su carte fotografiche misura 8x8cm

Continua poi  l’esposizione presso Il Bardot Art Caf,  a Torino via Romani 2 , del progetto BarFly. Sui muri collage su carta incorniciati.

Dall’8 maggio presso la A.Muse Gallery a Torino troverete le tele 10x15cm del progetto Divini Devoti.

Per concludere, per tutto il mese di maggio presso Adonis, L.go Saluzzo Torino, in esposizione il progetto e.poi.mi.ricordo, 5 collage incorniciati misure variabili (40x50cm circa)

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Expo di Natale

Ingresso gratuito
Prezzi di vendita sbalorditivi

Jimmy’s Tour ✌️

Torino, Adonis , Lgo Saluzzo 25 sino al 6 gennaio

Onde e Costellazioni

https://www.artribune.com/mostre-evento-arte/jimmy-rivoltella-onde-e-costellazioni/

Torino, Evvivanoe, Via Grassi 16, sino al 6 gennaio

La memoria delle particelle elementari 

https://www.artribune.com/mostre-evento-arte/jimmy-rivoltella-la-memoria-delle-particelle-elementari/

Roma, Sala Margana, Materie Project 7 e 8 dicembre 2018

Posted in Senza categoria | Leave a comment

La memoria delle particelle elementari

EVVIVANOÈ Esposizioni d’arte

OPEN 6 dicembre 2018 h. 18.30 Torino Via Grassi 16

Tutti i luoghi che abbiamo abitato, tutti i momenti che abbiamo vissuto ci assediano, chiedono di entrare – noi li guardiamo, li evochiamo uno ad uno – da dove? Dove è dovunque e in nessun luogo.

Giorgio Agamben

There are places I remember / All my life though some have changed / Some forever not for better / Some have gone and some remain.

John Lennon, Paul McCartney

Ogni luogo ha la sua storia, ogni spazio, con le proprie architetture, richiama alla mente memorie personali, vite passate che un tempo vi dimoravano. La fotografia, nella sua potenza evocativa, è una testimonianza inderogabile di queste esistenze che un tempo furono il presente, nei propri drammi, nelle proprie complessità e nelle proprie illusioni. Un tempo che non ritorna, ma che è possibile rivivere attraverso i fotogrammi, per scrutare e ispezionare attimi di biografie che, se pur anonime, raccontano di un’urgenza del momento.

Jimmy Rivoltella, attraverso la tecnica del foto collage, dedica la sua ricerca artistica alle micro-narrazioni del quotidiano. Ha un particolare interesse per gli oggetti residuali realizzando composizioni d’immagini frammentarie e stranianti. Ama perdersi nello spazio familiare (non solo il suo) nel quale raccoglie fotografie tracciando le traiettorie delle sue derive e con le quali (ri)compone le storie di chi lo attraversa.

Nelle sue opere è fondamentale la relazione con l’archivio. L’archivio personale e le raccolte affettive di collezioni private diventano strumento d’indagine ed espediente narrativo. Dal progetto traspare spesso l’intenzione ridiscutere l’immagine fotografica in quanto documento: i soggetti, il punto di vista, le inquadrature e il montaggio di una sequenza sono orientati a rendere le fotografie allusive, ambigue, aperte all’interpretazione e al riconoscimento soggettivo e parziale di ciascuno.

Il progetto si inserisce come ultimo tassello del lungo percorso artistico di Jimmy denominato Divini Devoti.

 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Onde e Costellazioni

[ Onde e costellazioni ]

Adonis Via Saluzzo 25a Torino

dal 18 novembre al 18 dicembre 2018

Tutti i giorni: h. 12/14.30 – 19,30/23

ore infinite come costellazioni e onde / spietate come gli occhi della memoria

De Andrè  Anime Salve

Dopo 7 anni torna da Adonis Jimmy Rivoltella con una installazione creata ad hoc.

Leggere scatoline volteggeranno come onde dal soffitto. Una costellazione immaginale di storie veglieranno sullo spettatore/commensale.

Un’immagine astrologica che invita a riflettere sul potenziale dialogo tra le diverse vite raccontate, sul richiamo all’astrazione che le mappe stellari suggeriscono e sulla capacità dell’arte di concentrare (così come allontanare) lo sguardo sulle cose del mondo e relative inter-connessioni.

 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

MUSINÈ PROJECT

AZIONE PERFORMATIVA DEL SENTIRE

di e con Jimmy Rivoltella

Le pietre possono essere utilizzate come marcatori di tempo o distanza, oppure esistere come parti di una scultura enorme, eppure anonima. Lungo una camminata in montagna, si potrebbe realizzare una scultura oltre le nuvole, forse in una regione remota, conferendo libertà immaginativa sul come, o dove, si possa fare arte nel mondo”

 Richard Long

Il progetto, che consiste nella salita al monte Musinè,  propone una riflessione sul corpo umano, strumento attraverso cui si prende coscienza del nostro essere al mondo e si costruisce la propria identità, potente interfaccia di comunicazione che ci consente di intessere relazioni con gli altri e di presentarci al mondo.

Oggetto dell’azione, attraverso l’arte del camminare (walkscapes), sarà quello di cercare di “sentire” il potere comunicativo e simbolico del corpo vissuto nei rapporti con gli altri corpi che parteciperanno alla salita.

Queste azione performativa sarà testimoniata e descritta attraverso la trascrizione dei dialoghi, la creazione di mappe, fotografie, la raccolta di oggetti-cose-tracce trovate lungo il percorso ed opere testuali.

La performance permetterà a tutti i partecipanti di avere un mezzo ideale per esplorare i rapporti tra tempo, distanza, geografia e misurazione del proprio spazio interiore.

2 dicembre 2018

Per un approfondimento sull’arte del camminare:

musine-project

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Monte_Musinè

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Ar[t]cevia Art Festival 2018

Dopo 7 anni gradito ritorno in quel di Arcevia.

Dal 4 agosto (sino al 14 ottobre) sarò con i miei cubi al Festival Internazionale Ar[t]cevia in provincia di Ancona.

Per info sul festival:

http://www.artribune.com/mostre-evento-arte/artcevia-2018/

Ph. Credit Luisa Valenzano

#artcevia #artfestival #arcevia

Posted in Senza categoria | Tagged | Leave a comment